«Narrar degli uomini, parlar di Dio» con Costanza Miriano

Venerdì 5 aprile 2013

La Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri di Roma, in collaborazione con l’associazione Bomba Carta, presenta il ciclo di Incontri di cultura cristiana 2013: «Narrar degli uomini, parlar di Dio». Nel primo incontro Andrea Monda intervista Costanza Miriano: aspirante casalinga, mamma di quattro bambini e giornalista del TG3, collabora con Avvenire e il Timone. Si definisce, ed è, una Cattolica fervente, convinta che in cielo si vada solo per raccomandazione, e che la Messa e il Rosario siano i mezzi migliori per arrivare al Capo Supremo. Costanza Miriano è autrice di “Sposati e sii sottomessa”, edito nel 2011 da Vallecchi, e di “Sposala e muori per lei”, uscito il 19 settembre 2012 per Sonzogno.

Cantautori, scrittori, poeti: chi ha qualcosa da raccontare scruta il cuore dell’uomo; chi racconta il cuore dell’uomo, non può restare indifferente alla questione di Dio, ed è costretto a prendere posizione, diventando suo amico o suo nemico. «Narrar degli uomini, parlar di Dio» è il nuovo ciclo di Incontri di Cultura Cristiana, organizzati dalla Congregazione dell’Oratorio San Filippo Neri di Roma, in collaborazione con l’ associazione Bomba Carta. Dopo le esperienze degli scorsi anni – nel 2010 le storie di conversione, nel 2011 sull’eredità del cardinal Newman sulla letteratura inglese , nel 2012 «Il Vero, il Bello, il Buono» – sono Costanza Miriano, Giovanni Lindo Ferretti e Giovanni Donna d’Oldenico, a guidarci in questa riflessione sulla narrazione come mezzo per raccontare le fede e la vita.

L’incontro è alle 21 presso la sala ovale della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri a Roma, in via della Chiesa Nuova 3. L’ingresso è libero.

 

 

Condividi!
Questa voce è stata pubblicata in Cinque Passi, Oratorio Secolare. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

One Response to «Narrar degli uomini, parlar di Dio» con Costanza Miriano

  1. Pingback: La ciliegina senza torta | Il blog di Costanza Miriano

I commenti sono stati chiusi.